Passa ai contenuti principali

Come poter quantificare l'aria viziata (incluso virus e batteri) negli ambienti chiusi.

Quando parliamo di aria viziata sappiamo cosa stiamo trattando poiché tutti abbiamo sperimentato questa sensazione negli ambienti chiusi, magari troppo affollati; essendo però una situazione di difficile constatazione oggettiva, non sapremmo come regolarci se non con le nostre facoltà percettivo-olfattive, facoltà che tuttavia, in alcune condizioni (come ad esempio nel caso di assuefazione da lunga permanenza in un ambiente chiuso), vengono meno. 

A tal fine è utile affidarsi a strumenti in grado di misurare concentrazioni semplici ma indicative del livello di 'attività umana' presente in ogni ambiente; uno di questi parametri è la CO2 (biossido di carbonio o anidride carbonica) dell'aria.

La CO2 è infatti prodotta dall'attività umana come prodotto della respirazione cellulare; in condizioni di elevata concentrazione della stessa nell'ambiente si possono verificare situazioni di grave disagio fisico e mentale (stanchezza, mal di testa, affaticamento nella respirazione, gola asciutta, irritazione delle mucose).

Misuratore ambientale di CO2 nell'aria.

Per i suddetti motivi risulta essenziale misurare la concentrazione di anidride carbonica presente nell'ambiente e, al momento opportuno, ricorrere ai ripari, ricambiando l'aria nelle stanze. Ovviamente la frequenza con cui tali ricambi dovranno essere effettuati dipende da una serie di fattori, quali il numero delle persone nell'ambiente, l'attività svolta dalle stesse, eventuali processi di combustione, il tempo di permanenza delle persone.

Se la presenza di CO2 in un ambiente è indice di 'attività umana', questo indicatore può essere utilizzato anche per valutare la igienicità dell'aria dell'ambiente e pertanto può fornirci informazioni sulla possibilità o meno di essere in ambienti contaminati da virus o batteri immessi nell'aria da parte delle persone.

La letteratura scientifica ritiene che al di sotto dei 1000 ppm di CO2 l'ambiente sia igienicamente sicuro; tra i 1000 ed i 2000 ppm la situazione sia allarmante, oltre i 2000 ppm l'ambiente debba essere considerato non accettabile. 

Prospetto semaforo per la concentrazione di CO2 nell'aria.

Nei nuovi edifici un ricambio dell'aria adeguato può essere assicurato dalla ventilazione meccanica controllata (VMC), opportunamente dimensionata e tarata in base alle esigenze e peculiarità degli ambienti (non sempre è così).

A proposito, si parla sempre più spesso della cosiddetta "sindrome dell'edificio malato", terminologia coniata dall'inglese 'Sick Building Syndrome SBS', con cui ci si riferisce a tutti quei sintomi dovuti a scarsa aerazione degli ambienti e ad errata circolazione dell'aria di ricambio, quest'ultima anch'essa responsabile di molti malesseri, ad esempio quando la sua velocità è superiore ad una certa soglia (generalmente 0.2 m/s).

Tutto ciò richiama l'attenzione ad un'attenta progettazione dei sistemi di ricambio dell'aria; l'attenzione non deve essere solo concentrata sulla loro efficienza termica ma anche sulla loro efficacia e compatibilità con le caratteristiche del corpo umano.

Hai bisogno di una consulenza? Contattaci! 

STUDIO SANTORO INGEGNERIA

VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE ©

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro: FILTRAZIONE DELL’ARIA. È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente. La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta effic

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa.  La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia. Ispezione termografica di una facciata di un fabbricato. Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti ; vediamone le differenze sostanziali. TERMOGRAFIA : tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento deno

Il tuo immobile può accedere al Superbonus?

Condizioni essenziali per accedere al Superbonus (detrazione fiscale al 110%, sconto in fattura o cessione del credito) sono: 1) regolarità urbanistica dell'immobile (cfr. anche  https://studiosantoroingegneria.blogspot.com/2020/07/il-fascicolo-del-fabbricato-il-diario.html ) ; 2) esecuzione di interventi "trainanti" che consistono in: 2.1 isolamento dell'involucro edilizio (strutture opache); 2.2 sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale e/o estiva; 3) recupero di almeno due classi energetiche. Gli interventi possono riguardare immobili dotati di accessi indipendenti o edifici condominiali (nella loro interezza).  Ai suddetti interventi possono abbinarsene ulteriori (quali fotovoltaico, solare termico,   sostituzione infissi, etc), purché utili a conseguire i requisiti di risparmio energetico. Per stabilire se un immobile può rientrare o meno nel Superbonus, verificati i requisiti ai punti 1 e 2 (regolarità e fattibilità degli interventi), occorre