Passa ai contenuti principali

Potenza termica di un caminetto a legna per riscaldamento: valutazioni per calcoli energetici ed accesso agli incentivi fiscali.

I tradizionali caminetti a legna installati prevalentemente nelle vecchie abitazioni si configurano come sistemi (o impianti, di cui si preciserà nel seguito) che contribuiscono al riscaldamento invernale e, come tali, influiscono sul bilancio energetico dell'immobile.


In sintesi:

- il caminetto a legna influisce sulla classificazione energetica dell'immobile, potendolo considerare a tutti gli effetti assimilabile ad una caldaia a biomassa;

- il caminetto installato in un immobile è un vero e proprio impianto termico, a servizio dello stesso.

Ai sensi degli ultimi aggiornamenti normativi (D.Lgs. 48/2020 & FAQ. 9D AGGIORNATA ENEA), si definisce infatti "impianto termico"(aggiornamento della definizione contenuta nel D.Lgs. 192/05):

l'impianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, o destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione, accumulo e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e controllo, eventualmente combinato con impianti di ventilazione. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unita' immobiliari ad uso residenziale ed assimilate…" (AGGIORNAMENTO DEL D.LGS. 192/15, ART. 2, COMMA 1C, LETTERA i-TRICIES)

RIENTRA NELLA DEFINIZIONE OGNI IMPIANTO TERMICO SENZA PIU' LIMITI DI POTENZA (PRIMA DI QUESTA LEGGE INTRODOTTI NEL D.LGS. 192/05).

Orbene, considerare questi impianti nel calcolo energetico comporta definirne sostanzialmente la portata termica; questo valore, per sistemi installati dopo il 1970 ed antecedenti alla norma UNI EN 13384/1 (2004), come nella maggior parte dei casi si riscontra per le "vecchie" abitazioni, può desumersi dalla formula inversa indicata nel DPR 1391/1970, art. 6.5.

Nella predetta formula, entrano in gioco i seguenti parametri:

- l'area della sezione retta del camino (cmq) S;

- il rendimento definito in funzione del combustibile (0.03 nel caso di legna e comb. solidi) K;

- l'altezza del camino misurata a partire dal piano orizzontale mediano della fiamma H (m).

P (potenza del focolare, in kcal/h) = [S x (H)^0.5]/K

avendo cura di calcolare i vari parametri seguendo tutte le prescrizioni di legge contenute nel predetto DPR (ad esempio altitudine, cambiamenti di direzione/sezione del camino, lunghezza tratti suborizzontali).

La portata termica del camino a tiraggio naturale è pari alla potenza del focolare.

ECOBONUS: secondo la nuova definizione di impianto termico, un caminetto a tiraggio naturale installato in un'abitazione consente di usufruire dell'incentivo Ecobonus.

APE (attestato di prestazione energetica o certificato energetico): negli attestati di prestazione energetica deve essere considerato un eventuale caminetto installato nell'immobile, definendone relativa potenza che inciderà sulla prestazione energetica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro: FILTRAZIONE DELL’ARIA. È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente. La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta effic

Come poter quantificare l'aria viziata (incluso virus e batteri) negli ambienti chiusi.

Quando parliamo di aria viziata sappiamo cosa stiamo trattando poiché tutti abbiamo sperimentato questa sensazione negli ambienti chiusi, magari troppo affollati; essendo però una situazione di difficile constatazione oggettiva, non sapremmo come regolarci se non con le nostre facoltà percettivo-olfattive, facoltà che tuttavia, in alcune condizioni (come ad esempio nel caso di assuefazione da lunga permanenza in un ambiente chiuso), vengono meno.  A tal fine è utile affidarsi a strumenti in grado di misurare concentrazioni semplici ma indicative del livello di 'attività umana' presente in ogni ambiente; uno di questi parametri è la CO 2  (biossido di carbonio o anidride carbonica) dell'aria. La CO 2 è infatti prodotta dall'attività umana come prodotto della respirazione cellulare; in condizioni di elevata concentrazione della stessa nell'ambiente si possono verificare situazioni di grave disagio fisico e mentale (stanchezza, mal di testa, affaticamento nella respi

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa.  La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia. Ispezione termografica di una facciata di un fabbricato. Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti ; vediamone le differenze sostanziali. TERMOGRAFIA : tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento deno