Passa ai contenuti principali

Ecobonus al 110%: tutti i tecnici saranno all'altezza del compito?!

Ecobonus 110 o Superbonus, sotto questo nome va l'iniziativa dell'attuale governo, contenuta nel cosiddetto "Decreto Rilancio", pensato con il fine di, appunto, fornire ossigeno alle imprese che si trovano in netta difficoltà per la pregressa crisi economica, cui si è ora aggiunta quella sanitaria.


Non sono ancora definite le modalità di accesso all'agevolazione, le quali saranno contenute in un decreto 'ad hoc' che dovrebbe essere pubblicato entro giugno.

E' certo, comunque, che il cosiddetto "Superbonus"* riguarderà tutti gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, ovvero comprenderà tutti i lavori attraverso i quali potrà migliorare la classe energetica dell'immobile quali, ad esempio, la coibentazione delle strutture opache e trasparenti (muri, pavimenti e solai verso l'esterno, finestre).

Per Eco o Super - bonus s'intende la possibilità di detrazione fiscale dell'intero ammontare dei lavori e delle relative spese o, in alternativa, lo sconto immediato in fattura dell'intero importo dei lavori (e spese), tramite cessione del credito all'impresa esecutrice o ad un istituto finanziario (banca). 
 
Esistono però condizioni ben precise affinché si possa parlare di riqualificazione energetica; infatti nel decreto e in base alle anticipazioni pervenute, si potrà accedere al bonus solo a determinate condizioni (che saranno senz'altro definite meglio tramite il decreto attuativo) ma che, già da adesso, comprendono:

- il recupero di almeno due classi energetiche;

- l'estensione dell'intervento ad un minimo del 25% della superficie disperdente dell'immobile (trattasi cioè di ristrutturazioni di primo e secondo livello - decreto requisiti minimi).

Per comprendere meglio di cosa si tratta, suggerisco di consultare anche la seguente pagina:
 

E' intuibile, quindi, che detti interventi dovranno essere progettati con estrema attenzione e soprattutto opportunamente valutati, pena la dichiarazione di un falso che costituisce un reato; non a caso nel decreto sono già definite le sanzioni in caso di false dichiarazioni e asseverazioni mendaci; le multe sono salate e vanno fino ad oltre i quindicimila euro!

Per scendere di due classi energetiche occorre eseguire una diagnosi energetica dell'immobile (che non consiste in una semplice certificazione energetica venduta al costo di qualche decina di euro), da cui determinare la classe di partenza; prevedere interventi migliorativi, eseguire un'analisi dell'investimento, calcolare la nuova classe energetica post intervento, tenuto conto, inoltre, di tutti i limiti normativi vigenti in materia di risparmio energetico e in edilizia.

Sarà quindi necessario disporre di tecnici specializzati, ovvero di esperti in diagnosi energetica che sappiano valutare con assoluta precisione lo stato dell'immobile anche con i giusti strumenti e, da qui, individuare le migliori soluzioni tecniche, nel rispetto di norme e metodologie, spesso ignote ai meno esperti.

CERTIFICARE UN EDIFICIO E' BEN DIVERSO CHE FARNE UN'ANALISI ENERGETICA E PROGETTARE INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA O DI EFFICIENTAMENTO; DA PARTE DI CHI UN CERTIFICATO LO HA FATTO E VENDUTO PER POCHI EURO NON ASPETTIAMOCI GRANDI COMPETENZE E RISULTATI!

Articolo in fase di continuo aggiornamento...

 Hai bisogno di una consulenza? Contattaci!

STUDIO SANTORO INGEGNERIA - www.ingiuseppesantoro.it

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook Ⓡ: 


VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE ©

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro:
FILTRAZIONE DELL’ARIA.
È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente.

La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta efficienza HEPA (High…

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa. 
La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia.

Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti; vediamone le differenze sostanziali.
TERMOGRAFIA: tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento denominato termocamera, una sorta di “macchina fotografica”, in grado di rilevare l…

Il raffrescamento estivo degli edifici: ottimizzazione e risparmio energetico.

Durante il periodo estivo si ricorre al raffrescamento degli ambienti tramite climatizzatori d’aria (macchine frigorifere); è tuttavia possibile progettare ambienti che siano in grado di garantire un elevato comfort ambientale anche d’estate, minimizzando i costi di esercizio relativi al raffrescamento. 
Con estremo zelo progettuale si può anche ottenere una casa passiva, cioè con un fabbisogno per il raffrescamento coperto dall’installazione di dispositivi passivi (tecniche costruttive e soluzioni impiantistiche) grazie ai quali non è necessario ricorrere alla climatizzazione degli ambienti mediante il classico processo che prevede l’utilizzo di macchine frigorifere (e quindi l’impiego di energia non rinnovabile).
Per garantire un comfort estivo, in fase di progettazione (nuove costruzioni o ristrutturazione) l’obiettivo principale consiste nel ridurre i guadagni di calore all’interno degli ambienti: ciò può conseguirsi principalmente mediante un’attenta analisi preliminare che comport…