Passa ai contenuti principali

Bonus lavori 110%; la partita si gioca tutta (o quasi) sul solito fattore (economico): riuscire o meno a ottenere credito.

Diamo per scontato che, effettuata un’opportuna diagnosi energetica dell’immobile o edificio ci siano i requisiti per accedere al bonus in oggetto.

A questo punto si dovrebbe perfezionare il progetto di riqualificazione energetica individuando i materiali e le soluzioni tecniche più opportune, per poi quantificare il costo complessivo dei lavori.

Supponiamo allora che il costo complessivo dei lavori sia pari a 50.000 euro; tale costo comprenderà manodopera e fornitura di materiali. I lavori saranno eseguiti da tre ditte distinte, ciascuna dotata della propria specializzazione, requisito fondamentale per l’accesso al bonus.

A questo punto possiamo optare per tre soluzioni:

- detrazione Irpef dell’intero ammontare del costo dei lavori in cinque anni; cioè 5.000 euro annui da portare in detrazione Irpef nei successivi cinque anni;

- cessione del credito alle ditte esecutrici: se queste accettassero, il costo dei lavori sarebbe anticipato dalle imprese, le quali dovrebbero recuperarlo in cinque anni tramite detrazione fiscale; oltre alla detrazione dell’intero ammontare dei lavori, avrebbero diritto ad un ulteriore 10% di detrazione.

Supponiamo che:

    - l’impresa A debba eseguire lavori per un ammontare pari a 15.000 euro;

    - l’impresa B debba eseguire lavori per un ammontare pari a 20.000 euro;

    - l’impresa C debba eseguire lavori per un ammontare pari a 15.000 euro;

le imprese A e C porterebbero in detrazione quindi 3.000 euro + 300 euro (10%) annui, per i successivi cinque anni;

l’impresa B porterebbe in detrazione 4.000 + 400 (bonus) euro annui, per i successivi cinque anni.

- cessione del credito ad un istituto bancario, che finanzia l’esecuzione del progetto e matura il bonus (detrazione fiscale) del 110%.

Quest’ultima rappresenta la soluzione più comoda, semplice e auspicabile, in quanto solo gli istituti bancari possono portare in detrazione crediti (e anticipare costi di una certa rilevanza) che per il privato potrebbero essere sproporzionati rispetto al proprio regime di tassazione e che, per un’impresa edile, potrebbero esserlo altrettanto se cumulasse (come avverrebbe) molti lavori.  

Anche in assenza di linee guida specifiche, i conti sono dunque presto fatti: il bonus 110 parte solo con l’appoggio degli istituiti di credito; su questo si giocherà tutta (o quasi tutta, stante la possibilità o meno di usufruire tecnicamente dell'agevolazione) la partita.

Hai bisogno di una consulenza? Contattaci!


STUDIO SANTORO INGEGNERIA
www.ingiuseppesantoro.it

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook Ⓡ:

https://www.facebook.com/ingiuseppesantoro/

VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE ©

Commenti