Passa ai contenuti principali

Il reddito energetico e le comunità energetiche: nuove opportunità di risparmio e scenari futuri sul fotovoltaico domestico.

L’Italia è il paese del sole, e allora perché non sfruttare appieno la sua energia?


Il fotovoltaico consente di produrre energia rinnovabile dal sole ma la sua diffusione a livello privato è ancora ostacolata dai prezzi che, tuttavia, negli ultimi anni, sono notevolmente calati. Di fatto manca una cultura del risparmio e si stenta a capire che un investimento nel fotovoltaico è sempre vantaggioso (per capire perché consulta anche:

I vantaggi di questa tecnologia sono molteplici e vanno da quelli più concreti (quale appunto un risparmio economico in bolletta) a quelli indiretti (ma non per questo meno importanti) come l’indipendenza energetica e la riduzione dell’inquinamento ambientale (a proposito, vivere in un ambiente più pulito di questi tempi forse potrebbe fare anche una differenza sostanziale nella vita delle persone - consulta anche:

https://ingiuseppesantoro.blogspot.com/2018/11/perche-proteggersi-dallinquinamento.html).

Il reddito energetico si propone di arginare il problema di accesso al fotovoltaico per i meno abbienti; si tratta in sostanza di incentivi erogati da enti pubblici (o privati) con il fine di finanziare l’installazione di impianti fotovoltaici sulle abitazioni. L’iniziativa risulta virtuosa, in quanto il progetto si ripaga tramite l’energia prodotta e non consumata, la quale viene immessa in rete e pagata dal gestore dei servizi elettrici (a prezzi definiti e contrattati). Parte del guadagno consente una rigenerazione dei fondi economici, che potranno essere messi a disposizione di ulteriori utenti e allargare così la rete e i proventi.

L’iniziativa sembra essere molto vantaggiosa e redditiva, tant’è che oggi si parla anche di comunità energetiche, ovvero di presidi territoriali in cui è promossa e attuata una modalità di produzione di energia rinnovabile da fotovoltaico, la quale consente non solo di raggiungere l’indipendenza energetica e l’abbattimento dei costi in bolletta ma anche la possibilità di ricavare un reddito sociale dai proventi dell’energia venduta a terzi. Dal punto di vista tecnico le comunità energetiche possono funzionare come “serbatoi” di energia dislocati sull’intero territorio, in grado di offrire energia elettrica a chi ne avesse bisogno in qualunque momento; la rete elettrica ne assicura il trasporto e il raggiungimento di zone anche molto distanti dal punto di produzione (si pensa addirittura di poter vendere energia ad altri Stati e Continenti).

Il mercato dell’energia elettrica subirà quindi a breve cambiamenti radicali; noi che disponiamo di tanto sole e che sin ora abbiamo mancato all'appuntamento di questo epocale cambiamento (poiché siamo in netto ritardo sull'impiego di questi sistemi, nonostante le fonti non manchino) potremmo recuperare il tempo (e il denaro) perso; comunità, enti e associazioni, con un po’ di intraprendenza e lungimiranza, potrebbero già cominciare a farlo.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro:
FILTRAZIONE DELL’ARIA.
È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente.

La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta efficienza HEPA (High…

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa. 
La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia.

Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti; vediamone le differenze sostanziali.
TERMOGRAFIA: tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento denominato termocamera, una sorta di “macchina fotografica”, in grado di rilevare l…

Il raffrescamento estivo degli edifici: ottimizzazione e risparmio energetico.

Durante il periodo estivo si ricorre al raffrescamento degli ambienti tramite climatizzatori d’aria (macchine frigorifere); è tuttavia possibile progettare ambienti che siano in grado di garantire un elevato comfort ambientale anche d’estate, minimizzando i costi di esercizio relativi al raffrescamento. 
Con estremo zelo progettuale si può anche ottenere una casa passiva, cioè con un fabbisogno per il raffrescamento coperto dall’installazione di dispositivi passivi (tecniche costruttive e soluzioni impiantistiche) grazie ai quali non è necessario ricorrere alla climatizzazione degli ambienti mediante il classico processo che prevede l’utilizzo di macchine frigorifere (e quindi l’impiego di energia non rinnovabile).
Per garantire un comfort estivo, in fase di progettazione (nuove costruzioni o ristrutturazione) l’obiettivo principale consiste nel ridurre i guadagni di calore all’interno degli ambienti: ciò può conseguirsi principalmente mediante un’attenta analisi preliminare che comport…