Passa ai contenuti principali

Superbonus e limiti di spesa ammissibili: non è tutto oro ciò che luccica.

Così potremmo sintetizzare ciò che vorremmo chiarire in merito alle spese massime ammissibili in caso di lavori di riqualificazione energetica con accesso al Superbonus (detrazione, cessione del credito o sconto in fattura al 110%).


Con il cosiddetto "Decreto Requisiti Minimi" si definiscono i limiti di spesa in relazione ai vari interventi possibili ed al tipo di immobile; all'art. 13 del suddetto decreto si prevede la possibilità di far rientrare nei predetti limiti di spesa anche le spese professionali.
 
Quindi, nei limiti di spesa previsti, devono rientrare:
- il costo dei materiali (scelti secondo specifici criteri, i cosiddetti CAM);
- il costo della manodopera;
- i costi professionali (tra cui diagnosi energetica, progettazione e direzione lavori, computi metrici-estimativi, sicurezza cantiere, asseverazioni e pratiche Enea).

Per ciascuna voce di costo sopra elencata sono previsti specifici limiti e criteri di valutazione; nel caso delle competenze tecniche, per la quantificazione dei costi si rimanda al cosiddetto "Decreto Parametri". 

Cosa stiamo cercando di dire con tutto questo?!

Vogliamo dire che riserviamo molti dubbi sulla totale gratuità degli interventi:

se facciamo due conti, infatti, la parcella professionale incide in maniera sensibile sulle voci di costo e, d'altronde, non potrebbe essere altrimenti, considerate le responsabilità attribuite al professionista e il conseguente e pesante sistema sanzionatorio messo in atto. 

Inoltre, in caso di irregolarità, verso il professionista, stando a come è stato impostata la normativa, si rivarrebbe senz'altro anche il committente, che subirebbe la perdita del beneficio e il danno di dover restituirlo con tutti gli interessi!

Dalle predette considerazioni scaturiscono due importanti riflessioni:

1) il Superbonus è un'ottima occasione per riqualificare il proprio immobile ma occorre sapere che, a fronte di un notevole sconto e risparmio economico sui lavori, sarà pur sempre necessario prevedere un esborso minimo di propria tasca nella stragrande maggioranza dei casi poiché difficilmente si potrà rimanere entro i limiti di spesa previsti dalla legge;

2) i lavori di riqualificazione energetica ed il relativo beneficio economico sono condizionati da una serie di studi e approfondimenti tecnici che devono essere eseguiti con il massimo scrupolo e la massima attenzione (pena la perdita del beneficio e le conseguenti sanzioni); studi di questo genere, che richiedono quindi dedizione, abilità e elevata competenza tecnica, comporteranno inevitabilmente oneri economici congrui a un siffatto livello di prestazione richiesto. 
Al committente spetterà la scelta di affidarsi o meno a un buon professionista; la scelta di propendere verso prezzi bassi per risparmiare ulteriormente (nonostante il 110!) questa volta potrebbe davvero non essere la mossa più astuta e vincente.  
Nel prospetto seguente riportiamo una simulazione sulla quantificazione dell'onorario spettante al professionista secondo il DM Parametri (cui riferirsi secondo quanto previsto dal Superbonus-DL Rilancio). 

Chi ha diritto al Superbonus? sinteticamente puoi capirlo leggendo questo:
https://studiosantoroingegneria.blogspot.com/2020/08/il-tuo-immobile-puo-accedere-al.html

Hai bisogno di una consulenza? Contattaci! 

STUDIO SANTORO INGEGNERIA 

VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE ©

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro: FILTRAZIONE DELL’ARIA. È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente. La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta effic

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa.  La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia. Ispezione termografica di una facciata di un fabbricato. Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti ; vediamone le differenze sostanziali. TERMOGRAFIA : tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento deno

Come poter quantificare l'aria viziata (incluso virus e batteri) negli ambienti chiusi.

Quando parliamo di aria viziata sappiamo cosa stiamo trattando poiché tutti abbiamo sperimentato questa sensazione negli ambienti chiusi, magari troppo affollati; essendo però una situazione di difficile constatazione oggettiva, non sapremmo come regolarci se non con le nostre facoltà percettivo-olfattive, facoltà che tuttavia, in alcune condizioni (come ad esempio nel caso di assuefazione da lunga permanenza in un ambiente chiuso), vengono meno.  A tal fine è utile affidarsi a strumenti in grado di misurare concentrazioni semplici ma indicative del livello di 'attività umana' presente in ogni ambiente; uno di questi parametri è la CO 2  (biossido di carbonio o anidride carbonica) dell'aria. La CO 2 è infatti prodotta dall'attività umana come prodotto della respirazione cellulare; in condizioni di elevata concentrazione della stessa nell'ambiente si possono verificare situazioni di grave disagio fisico e mentale (stanchezza, mal di testa, affaticamento nella respi