Passa ai contenuti principali

Muffa e ricambio dell'aria nelle camere da letto; l'importanza della Ventilazione Meccanica Controllata.

Nelle nostre camere da letto, vi siete mai chiesti come ovviare alle muffe, che spesso insorgono su muri e soffitto?

La muffa prolifera negli ambienti in cui c'è molta umidità; generalmente la muffa compare sulle superfici più fredde dell'involucro edilizio, laddove condensa più facilmente il vapore contenuto nell'aria. Tuttavia non è sempre e solo sufficiente isolare l'involucro edilizio per evitare la proliferazione delle muffe in casa.


In una camera da letto matrimoniale, due persone durante la notte, tramite la respirazione, immettono nell'ambiente un vapore acqueo stimabile in circa 150 grammi l'ora; la saturazione dell'aria nell'ambiente avviene nell'arco delle 3-4 ore. In questa situazione, anche nell'ipotesi di disporre del migliore isolamento termico dell'involucro edilizio, il vapore contenuto nell'ambiente comincerà a condensare sulle superfici più fredde e, col tempo, la muffa su di esse sarà inevitabile.


E' evidente quindi che, per scongiurare questo rischio, occorre un ricambio dell'aria dell'ambiente. Nelle vecchie abitazioni, tale ricambio poteva in qualche modo verificarsi tramite gli spifferi o la non perfetta tenuta all'aria dei serramenti. Quando infatti negli edifici esistenti, al posto dei vecchi infissi, se ne installano dei nuovi e moderni (dotati di bassissima o nulla permeabilità all'aria), spesso insorge il problema della muffa!

Ecco che, anche nel caso di interventi di ristrutturazioni che possono apparire banali, quale quello di sostituire gli infissi ad una vecchia abitazione, può essere utile consultare preventivamente un tecnico esperto nel settore.

Se si calcola la quantità di vapore da smaltire per ottenere condizioni di salubrità e comfort ambientale, si scopre che, in una camera da letto matrimoniale, è necessaria una portata di rinnovo dell'aria pari almeno a 0.7 volumi l'ora.


Se ne deduce quindi che è impensabile ottenere tale portata di rinnovo tramite una ventilazione naturale o ricorrendo ad un'aerazione ottenuta aprendo le finestre (come si possono d'altronde aprire le finestre durante la notte?!).


Si rende pertanto necessaria l'installazione di un sistema di Ventilazione Meccanica Controllata. Questo sistema ci consentirà di risparmiare energia durante l'inverno (in quanto l'aria che entra nell'abitazione viene pre-riscaldata) e ci assicurerà un comfort senza eguali durante le ore notturne, senza incorrere nell'inconveniente delle fastidiosissime e dannosissime muffe!

Hai bisogno di una consulenza? Contattaci!


VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE ©

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro: FILTRAZIONE DELL’ARIA. È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente. La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta effic

Come poter quantificare l'aria viziata (incluso virus e batteri) negli ambienti chiusi.

Quando parliamo di aria viziata sappiamo cosa stiamo trattando poiché tutti abbiamo sperimentato questa sensazione negli ambienti chiusi, magari troppo affollati; essendo però una situazione di difficile constatazione oggettiva, non sapremmo come regolarci se non con le nostre facoltà percettivo-olfattive, facoltà che tuttavia, in alcune condizioni (come ad esempio nel caso di assuefazione da lunga permanenza in un ambiente chiuso), vengono meno.  A tal fine è utile affidarsi a strumenti in grado di misurare concentrazioni semplici ma indicative del livello di 'attività umana' presente in ogni ambiente; uno di questi parametri è la CO 2  (biossido di carbonio o anidride carbonica) dell'aria. La CO 2 è infatti prodotta dall'attività umana come prodotto della respirazione cellulare; in condizioni di elevata concentrazione della stessa nell'ambiente si possono verificare situazioni di grave disagio fisico e mentale (stanchezza, mal di testa, affaticamento nella respi

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa.  La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia. Ispezione termografica di una facciata di un fabbricato. Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti ; vediamone le differenze sostanziali. TERMOGRAFIA : tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento deno